Circa 12 anni fa nel cuore della notte mi alzai. Tutti dormivano, persino mio figlio Alessio che era inquieto, riposava.

Mi recai in cucina, un luogo ampio governato da 4 finestre dove la luce ne fa da padrona. Ero pensierosa e mi fermai appoggiata ad un mobile.

Guardavo il cielo aldilà della finestra che quella sera era particolarmente limpido e stellato.

Era una notte di fine estate quando ancora si può uscire fuori al balcone con poche cose indosso. Uscii. L’aria era alla giusta temperatura, né troppo calda e né troppo fredda. Mi soffermai a guardare quel cielo luminoso. Guardavo le stelle nel silenzio che mi circondava, osservavo la loro luce irradiante e iniziai a chiedermi quale fosse il mio destino… cosa fossi destinata a fare nella vita.

La risposta che mi giungeva era “Non lo so, non lo so” Questa silenziosa ma assordante “sentenza” dentro di me, generava un grande turbamento… mi dava fastidio non saperlo. Proprio a me a cui era stato già programmato il futuro.

Più sentivo quelle risposte rindondanti e inaccettabili più percepivo una grande tristezza e un forte senso di solitudine.

Ero INFELICE!!!

Eppure avevo una famiglia, avevo un lavoro, un figlio tanto desiderato…

Tutti i miei desideri di felicità o pensieri di felicità erano stati esauditi… perché ero triste?

In quell’istante capii che la felicità non era legata a qualcosa o a qualcuno; non dipendeva da mio marito, da mio figlio, da mio padre o mia madre, ma da Me!  

Ma cosa c’era in me che non andava… perché gli altri erano felici e io non lo ero?

Questi erano i pensieri che vagavano quella notte nella mia testa. Mi sembrava di impazzire!!! Non vedevo qualcosa, non sentivo qualcosa, come e cosa potevo fare?

Da sola non potevo farcela, non sapevo da dove iniziare, non sapevo cosa fare. Dovevo mettere un nuovo passo verso una direzione che non riuscivo a vedere … ero cieca.

Il giorno dopo chiamai quello che è stato il mio terapeuta per diversi anni.

Quella notte così buia, silenziosa e profumata del dolce autunno che era in arrivo diventò la notte più luminosa della mia vita. Quella che ha iniziato il mio risveglio alla vita percorrendo quella che ancora oggi è la via della felicità, dove faccio e dico quello che il cuore razionale mi dice.

Fermati anche tu nel tuo silenzio e chiediti: Sono Felice?

Coccolati e Ascolta in silenzio la risposta che verrà.

Naturalmente Counseling… e stai bene con te stesso!!!

Per te che hai letto l’articolo

Se ritieni interessante ciò che ho scritto ti invito a condividerlo in modo da aiutarmi a diffondere anche tu il BenEssere a 360°


Condividi questa pagina: 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail