In questo periodo così come in quello invernale tante problematiche emergono e per stare bene è necessario che li affronti. Rimandare un sintomo significa solo peggiorarlo e portarlo verso una malattia ancora più grave. Sii responsabile del tuo dolore. Solo così potrai guarire, concediti la possibilità di far emergere la tua essenza.

So che ti può spaventare l’ansia quando sopraggiunge, ti fa impazzire, non ti fa respirare, ma ti assicuro che se la ascolterai, lei andrà via.

Il dolore che hai nel petto e che ti stringe forte in quei momenti è solo un modo che ha lei di farsi ascoltare da te.

Cosa vuole dirti?

La tua ansia nasconde semplicemente la tua vera essenza, una parte che in quei momenti vuole emergere e che invece fai di tutto per soffocare perché va contro delle regole imposte… ma da chi?

Sei così impegnato a produrre per guadagnare o a cercare successo, o ancora a dimostrare agli altri che sei degno di essere amato che ti dimentichi della tua vera essenza, di dire “no” o “basta” a richieste che non puoi sostenere, ma che accetti di fare solo per…

Se ricordi bene inizialmente questi attacchi erano lievi ma non li hai presi in considerazione. Lo so, avevi paura, ma quanto ancora più forti devono diventare affinché ti fermi a riflettere su cosa ti sta accadendo?

Vuoi goderti la vita e sentirti appagato? Bene! E’ arrivato il momento di attuare una cambiamento profondo, di vivere la gioia con tutto te stesso ma per farlo bisogna capire cosa ti ostacola, cosa quest’ ansia vuole dirti davvero.

Per questo ci sono io che qui accanto a te ti seguirò in un percorso in cui non conosci i significati ma che in mia compagnia riusciremo a tradurre ciò che la tua ansia vuole dirti davvero e vedrai che man mano lei andrà via.

So che è difficile, so che è “comodo” rimanere lì dove sei, infondo hai tutto, ma se l’ansia si presenta al tuo cospetto vuol dire che c’è qualcosa che non va e spetta a te decidere se “sopravvivere” o “vivere”. Non far peggiorare questo sintomo, non farla diventare una patologia che poi dovrà indurti ad andare velocemente in ospedale per una tachicardia da stress che vuole solo dirti “liberati”, “Sii te stesso”.

Non è colpa tua, lo so! Lei è comparsa per difenderti da situazioni dolorose, per farti allontanare da persone che ti facevano del male, ma ora è il momento che la lasci parlare.

Ora che lo sai e non ti serve più!

Il modo per poterlo fare è quello di diventarle amica e lasciare che venga da te per ascoltarla. L’ unico controllo che puoi pretendere è quello di te stesso, è quello di decidere per la tua parte più vera, ma per conquistarlo, devi accettare prima che l’hai perso, e lasciare che finalmente si esprima; ma ti avverto se ancora non la accetterai, sarà ancora più forte.

Perciò la prossima volta che arriverà ascoltala, fa dei bei respiri profondi ad occhi chiusi e prova a comprenderla.

Evita se puoi di prendere le pasticche che assumi solitamente non ti serviranno a guarire, ma a soffocare ancor di più ciò che sei dentro, facendo danni in altre parti del corpo.

Quando poi sarà passato chiama uno specialista e dedicati del tempo, un tempo per te per la tua salute.

Ricorda che sei nato per essere felice e hai una sola vita da vivere.

 

Per te che hai letto l’articolo

Spero che l’articolo che ho scritto ti abbia dato delle informazioni utili.

Mi farebbe molto piacere ricevere un tuo commento. Mi aiuta nel proseguire il mio lavoro di diffusione di nuovi modi per stare bene e vivere serenamente.


Condividi questa pagina: 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail